Articoli su Londra

Alloggio a Londra Informazioni Corsi di inglese Lavoro Hotel e Ostelli in tutto il mondo Viamundis 

Cosa vedere a Londra (150 luoghi) Impara l'inglese: archivio di oltre 200 mila testi di canzoni 


Al Saint Mary di Londra Robot-dottore

 Al Saint Mary di Londra Robot-dottore

Una cosa da fantascenza sta per diventare forse realtà. Un robot dottore che cura i pazienti lavora all’istituto Saint Mary di Londra e si chiama “Sister Mary”. In realtà si tratta di un ultra sofisticato RP6 Robot, che sta per Remote Presence Robot. Il robot assomiglia ad un guscio e viene azionato grazie a un joystick, simile a quelli usati per i videogiochi. I medici potranno comandare a distanza il robot per tenere sotto controllo lo stato dei pazienti in corsia.

Con un sistema di controllo Wi-Fi, Sister Mary si muove agilmente tra i reparti dell’ospedale. Il dr.Parv Sains, dell’ospedale Saint Mary, si dice convinto che Sister Mary potrà dare il dono dell’ubiquità a tutti i dottori e sarà utilissimo per snellire le liste d’attesa dei pazienti. “Molti specialisti”, dice “specialmente quelli più esperti ed anziani, dovrebbero essere disponibili in più luoghi e nello stesso tempo: adesso abbiamo trovato la soluzione adatta a questo problema”. Attraverso lo schermo del robot, il medico potrà dare consigli, supervisionare cartelle cliniche e persino fare diagnosi. Senza lasciare il proprio ufficio. Una cosa del genere servirebbe anche nei nostri ospedali in Italia, speriamo arrivi presto.

Per ora Sister Mary non è in grado di intervenire direttamente sui pazienti. Delegare tutte le attività di un medico in carne ed ossa, è al momento ancora impossibile. Tuttavia le speranze degli scienziati dell’università Imperial College di Londra, creatori del robot, sono la sperimentazione di simili apparecchi anche per condurre operazioni chirurgiche.

Si gioca da Gizmondo in Regent Street

Si gioca da Gizmondo in Regent Street

http://shopandthecity.blogosfere.it

Vero prodotto “cult” tra i teenager di tutto il mondo, Gizmondo è la console portatile sviluppata dalla società americana Tiger Telematics con cui giocare, ascoltare musica, vedere film, navigare con Gps, spedire foto, e-mail e SMS.
Per far vivere ai clienti un’esperienza totalizzante delle potenzialità offerte da questo nuovo device tecnologico, a Londra, al 175 di Regent Street, è stato inaugurato il primo flagship store a insegna Gizmondo.
È un pdv pensato per stimolare in egual misura l’acquisto dei prodotti Gizmondo e la possibilità di immergersi in un’atmosfera ad alto tasso tecnologico e interattivo. Le luci blu soffuse che si alternano a flash luminosi psichedelici illuminano poltrone dalle forme futuristiche, su cui i visitatori possono riposarsi, seguendo le immagini che scorrono sugli schermi al plasma collocati sulle pareti.
La postazione per il DJ presiede il piano inferiore, dove quotidianamente vengono organizzate performance live dei personaggi più amati dal target di riferimento.
Accesso libero alla rete WI-FI, rete Bluetooth per la condivisione in tempo reale e la possibilità di sfide tra giocatori, coffee bar, zona relax.
 

Premio britannico per l’architettura in alluminio

Premio britannico per l’architettura in alluminio 

http://aluplanet.com
 
 
Un centro benessere di Belfast ha usato sistemi di alluminio strutturale a vetri marchio Technal forniti da Hydro Building Systems e ha vinto un importante premio architettonico.
Durante la “Settimana dell’Architettura” di Londra, al centro comunitario di servizi sanitari e sociali di Belfast da 15 milioni di sterline, detto The Arches, è stato conferito il Royal Institute of British Architects (RIBA) Award. Il progetto utilizza gli innovativi sistemi Technal, ivi incluse 100 finestre di combinazione cromatica, telaio e ampiezza diversi.
Commentando il progetto The Arches, i giudici hanno detto che gli edifici del centro benessere sono stati ridefiniti da un gruppo di abili designer.
“L’edificio ha un tema progettuale vivace focalizzato sulle finestre colorate e sulle pareti di rivestimento”, dice Bob Welsh, direttore generale di Hydro Building Systems, fornitore del marchio Technal.
“Questi sistemi soddisfano le necessità degli architetti sia da un punto di vista estetico sia per quel che riguarda le dimensioni facendo in modo che ogni stanza sia perfettamente illuminata. Inoltre l’alluminio offre vantaggi dovuti ai bassi costi di manutenzione”, sottolinea Welsh.
Hydro Building Systems è uno dei principali progettisti, produttori e distributori europei di sistemi in alluminio a vetri ad alta resa.
Il suo marchio Technal – www.technal.co.uk – di sistemi a vetri comprende una gamma integrata completa di pareti di rivestimento, porte, finestre e pavimenti
 

Londra: varato primo traghetto alimentato ad energia solare

Londra: Varato il primo traghetto alimentato ad energia solare

http://canisciolti.info
 
Si chiama Serpentine Solar Shuttle ed è il primo traghetto per il trasporto di passeggeri completamente alimentato a pannelli solari. Ha debuttato oggi nella Serpentine appunto, il lago artificiale del centralissimo Hyde Park di Londra che, d’ora in poi, sarà attraversato dalla super tecnologica imbarcazione turistica che che può trasportare fino a 42 passeggeri e viaggiare a una velocità massima di 8 chilometri all’ora.

Non sarà certo un bolide da off-shore, né un campione di lunghissime percorrenze, ma gli studiosi assicurano che questa “è, oggi, la nave tecnologicamente più avanzata al mondo” e sarà a disposizione di tutti a partire da sabato, da quando, con solo 3 sterline (4,4 euro), si potrà fare una breve crociera di un paio di chilometri sul lago londinese. Costruita interamente in acciaio inossidabile, la nave è destinata a durare tantissimo. Non solo. Secondo il suo inventore, Christoph Behling, “questa nave pone le basi per la cotruzione delle navi del futuro, dei treni e di tutti gli altri mezzi di trasporto a energia rinnovalbile”. La nave solare, lunga circa 15 metri, ha sul tetto 27 pannelli sufficienti a darle completa autonomia. Il viaggio più lungo che il traghetto potrebbe affrontare è di 132 chilometri. 

Symbol Technologies nella metropolitana di Londra

Symbol Technologies nella metropolitana di Londra 

articolo di  Enrico Bianchessi

tratto da http://risorse.net 

Tube Lines, la società che gestisce i servizi di manutenzione della London Underground, ha equipaggiato più di 200 ingegneri con il computer mobile Symbol PPT8800, su cui è stata installata la soluzione per il work management di Syclo. L’implementazione del nuovo sistema ha riguardato le tre linee principali della rete metropolitana londinese.

Tube Lines aveva l’esigenza di creare una singola fonte di informazioni da quasi 500 sistemi diversi, nel quadro di un massiccio intervento di razionalizzazione e modernizzazione del sistema di trasporto metropolitano di Londra. L’obiettivo finale era quello di migliorare e snellire i processi e il controllo degli asset, ma il primo passo è stato quello di eliminare gli errori dovuti alla gestione cartacea dei documenti e al conseguente lavoro di correzione.

Il computer mobile Symbol PPT8800 risponde perfettamente alle richieste di Tube Lines, legate alla robustezza e alla facilità d’uso. Dei 210 computer, 60 sono stati assegnati ai due depositi principali (uno per gruppo di lavoro) e i rimanenti 150 sono stati distribuiti alle postazioni minori.

Gli operatori di Tube Lines inviano e ricevono le informazioni utilizzando una connessione wireless collocata nel deposito, e quando operano in assenza di connettività possono lavorare offline. Oltre alla visione delle mappe, con Mobile GIS e MSS, la soluzione permette di scattare immagini digitali con i computer mobili Symbol e inviarle come attachment agli ordini di lavorazione. Con questo nuovo sistema di gestione, gli operatori e gli ingegneri sono in grado di svolgere nell’arco di 24 ore un processo che in precedenza richiedeva 24 giorni.

“L’adozione del mobile computer Symbol PPT8800 con la soluzione di Syclo ha migliorato in modo significativo la produttività e l’efficienza, grazie all’accesso in tempo reale alle informazioni”, ha sottolinato Martyn Capes, project manager di Tube Lines. “L’aggiornamento dei dati ci consente di avere sempre una visione completa degli interventi compiuti su un binario o una carozza, e questo ha un impatto diretto sull’organizzazione delle attività e sul rispetto delle normative vigenti”.

Sulla scorta del successo di questo primo progetto, Tube Lines sta provando gli EDA (Enterprise Digital Assistant) Symbol MC50 e MC70, e sta valutando l’uso della connettivtà GPRS per aumentare la flessibilità del sistema.

 

Pagina successiva »