Articoli su Londra

Alloggio a Londra Informazioni Corsi di inglese Lavoro Hotel e Ostelli in tutto il mondo Viamundis 

Cosa vedere a Londra (150 luoghi) Impara l'inglese: archivio di oltre 200 mila testi di canzoni 


Londra: ha 3 anni il piu’ giovane utente di e-bay

Londra: ha 3 anni il piu’ giovane utente di e’bay

http://autoblog.it

Questa è fantastica: a Londra un bambino di 3 anni ha acquistato su eBay un’auto da 9.000 sterline.
Jack Neal, classe 2003, ha infatti approfittato dell’assenza della mamma che aveva dimenticato il computer acceso e, probabilmente attratto dal colore rosa della Nissan Figaro, ha cliccato di fianco all’immagine della vettura, piazzando inavvertitamente un’offerta sul sito di aste online.
La madre si è accorta di quanto era accaduto solo quando ha ricevuto un messaggio che si congratulava con lei per essersi aggiudicata l’auto. Il padre del bambino si è visto costretto a contattare il venditore dell’auto e spiegargli l’equivoco.
Il venditore fortunatamente ha visto il lato divertente della storia ed ha cancellato l’ordine.

Quale futuro per Londra? rischio inondazioni come New Orleans

Quale futuro per Londra? rischio inondazioni come New Orleans

http://newton.corriere.it
L’allarme è stato lanciato da un esperto in disastri naturali della Middlesex University secondo il quale sarebbero a rischio anche altre città come Portsmouth e Cardiff   
Londra come New Orleans spazzata via da un’onda assassina. La capitale britannica insieme con altre città del Regno Unito, avvertono scienziati ed esperti in disastri, è a rischio di inondazioni. A distruggere migliaia e migliaia di case e causare sostanziali perdite di vite umane basterebbe – dicono – la caduta di 15 centimetri di pioggia in un giorno, quelli che provocarono l’alluvione che due anni fa devastò Boscastle, un villaggio della Cornovaglia.

Già adesso più di cinque milioni di persone in Inghilterra e Galles vivono in aree a rischio di inondazione. E la situazione è destinata a peggiorare a causa dei cambiamenti climatici che provocano più tempeste e fanno alzare il livello del mare.

Parlando nel corso di un convegno organizzato a Londra nel primo anniversario del disastro di New Orleans, il professore Edmund Penning-Rowsell, esperto in disastri naturali della Middlesex University, ha detto che la barriera sul tamigi a Woolwick (nell’immagine) protegge solo parte di Londra da un innalzamento del livello del fiume perché nella struttura ci sono varchi che lasciano esposte larghe zone alla furia delle acque. In caso di piogge torrenziali, del resto, il fatiscente sistema fognario della capitale difficilmente potrebbe reggere all’impatto. ”Se su Bond Street cadesse la stessa quantità di pioggia caduta a Boscastle, la gente pescherebbe orologi Cartier nelle fogne”, ha detto il professore riferendosi alla strada dello shopping di lusso a Londra.

A rischio ci sono anche città come Hull, Portsmouth e Cardiff che si trovano sotto il livello del mare, ha avvertito ancora Penning Rowsell, criticando aspramente il ministero dell’Ambiente per avere tagliato 15 milioni di sterline (21 milioni di euro) dal bilancio dell’Agenzia per l’ambiente. ”Decisioni del genere – ha detto il professore – sono pericolose nel momento in cui si devono fare previsioni a lungo termine per affrontare i problemi che i cambiamenti di clima causeranno nei prossimi 20 o 30 anni”.

Un altro partecipante al convegno londinese, Robert Muir-Wood, esperto in gestione rischi, ha ricordato che nessuno aveva previsto i danni che avrebbe provocato l’uragano Katrina a New Orleans. ”Le barriere di difesa sul Mississippi erano considerate efficienti. Non hanno retto e nessuno l’aveva previsto. E’ un precedente allarmante. Lo stesso potrebbe accadere in Gran Bretagna” ha detto, sottolineando che due forti maree sono attese per il prossimo 9 ottobre. ”Se coincidessero con violente tempeste potrebbe esserci una catastrofica inondazione nelle zone costiere della Gran Bretagna”.
 

Londra: stop ai lavoratori bulgari e rumeni

Londra: stop ai lavoratori bulgari e romeni  

http://ilgiornale.it
 
Erica Orsini

da Londra

Ingresso limitato in Gran Bretagna per la nuova manodopera dell’Est europeo. Per tentare di frenare un flusso migratorio rivelatosi assolutamente incontrollabile negli anni, il governo laburista di Tony Blair sta pensando di introdurre delle misure drastiche nel sistema di rilascio dei permessi di lavoro per i lavoratori bulgari e rumeni. A meno che il 27 settembre prossimo la Commissione Europea non decida diversamente, infatti, dal primo gennaio del 2007 Bulgaria e Romania entreranno ufficialmente nella rosa dei Paesi dell’Ue.  E questo significa che non appena le frontiere saranno aperte una massa di cittadini lascerà il proprio Paese per andare a cercare un’occupazione dove questo è ancora possibile.
Fino a questo momento la Gran Bretagna ha rappresentato una delle mete più ambite e accessibili. Nel 2004, insieme all’Irlanda e alla Svezia, aveva spalancato ai Paesi membri le porte del suo mercato del lavoro provocando un flusso migratorio molto più ampio di quanto ci si attendesse e di quanto il Paese stesso fosse in grado di sopportare.  Le ultime statistiche segnalano che negli ultimi due anni sono stati regolarmente registrati in Inghilterra 447mila lavoratori dell’Est europeo, di cui il 54 per cento proviene dalla Polonia.
Ora il governo Blair tenta disperatamente di correre ai ripari. Una fonte vicina all’esecutivo ha infatti rivelato ieri al quotidiano The Guardian che i ministri stanno studiando un sistema di accesso con regole ferree. Per poter venir a lavorare in Gran Bretagna bulgari e rumeni dovrebbero quindi dimostrare di avere una preparazione professionale molto specifica.
 

Paradiso del cioccolato a Londra

Paradiso del Cioccolato a Londra

http://deluxeblog.it

Se siete amanti del cioccolato, quello fine e di gran qualità, non potrete non visitare il Paul A. Young Fine Chocolates.
Il proprietario, Paul Young, chef-pasticcere presso il famoso ristorante londinese Quo Vadis.
Paul Young sperimenta abbinamenti davvero audaci tra il cioccolato ed ingredienti degni di un antipasto o di un secondo piatto.
La magia del saper mixare i sapori, il dolce ed il salato e diverse sensazioni è il segreto di Paul Young.

Per informazioni:

Paul A. Young Fine Chocolates

33 Camden Passage, (44-20) 7424-5750; www.payoung.net

Editoria: GB, pronto a uscire quotidiano della sera gratuito

EDITORIA: GB, PRONTO A USCIRE QUOTIDIANO DELLA SERA GRATUITO 

http://articolo21.info
 
LONDRA, 16 AGO – Un nuovo quotidiano della sera gratuito, il London Life, uscira’ in settembre nella capitale britannica per contrastare l’analogo progetto del magnate della stampa Rupert Murdoch, il quale ha annunciato la imminente uscita del suo ‘Thelondonpaper.
London Life e’ un’iniziativa del gruppo Associated Newspapers, che gia’ ha una sorta di monopolio sulla stampa della sera essendo l’editore dell’Evening Standard.
La tiratura di questo giornale gratuito e’ prevista in 350mila copie. Il nuovo quotidiano sostituira’ un primo tentativo di ‘gratuito del pomeriggio’, lo Standard Life.
Il London Life vuole presentarsi come un ‘gratuito di qualita’ facendosi scudo della reputazione dell’Evening Standard, che pero’ ha visto negli ultimi tempi calare la sua tiratura.
Thelondonpaper, il giornale di Murdoch, sara’ distribuito per la prima volta ai lettori il 18 settembre. Anch’esso pretende di essere di qualita’. Avra’ ben 48 pagine a colori. Dovrebbe essere distribuito ogni giorno, essenzialmente a Londra, a partire dalle 16:30 circa.
La capitale britannica ha gia’ tre giornali gratuiti: Metro, City Am, economico, e appunto Evening Standard, che interrompera’ le pubblicazioni per lasciare il posto a London Life. 

Pagina successiva »